Val di Susa

La Val di Susa è situata nella parte occidentale del Piemonte, è percorsa dal fiume Dora Riparia lungo 125 km ed è attraversata dalle Alpi Cozie e Graie. Sulla riva destra del fiume  Doria Riparia troviamo il Parco Naturale del Gran Bosco Salbertrad che insieme al Parco Naturale dei laghi di Avignano e il Parco Naturale Orsiera-Rocciavrè sono una delle più grandi aree protette montane italiane. La Val di Susa ospita una vasta diversità di fauna con varie specie di toporagno, arvicole, moscardino, tra i roditori troviamo la marmotta, lo scoiattolo, il ghiro. Anche la flora è molto varia nei versanti a sud si trovano il pino silvestre, la roverella, all’interno della Valle il lerice, il pino cembro, nel Gran Boscodi Salbertrand si trova l’abete bianco e l’abete rosso.
L’economia a Val di Susa si basa sulla pastorizia, l’agricoltura, l’artigianato del legno e il fiorente turismo invernale con le stazioni sciistiche di Bardonecchia, Sestrieri, Frais di Chiomonte, Cesana, Sanze d’Oubx, per gli appassionati di escursioni nella valle sono presenti rifugi alpini e tracciati sentieri importanti come il sentiero dei Falchi. Nella Val di Susa sono presenti monumenti di notevole interesse, abazie, castelli, edifici storici e fortificazioni. 
La gastronomia locale si basa su dolci come gli squisiti Canestrelli, la focaccina di Susa, e la produzioni dell’ottimo miele. 
I principali comuni in Val di Susa sono: Avigliana, Bardonecchia, Bussolerno, Susa. 

—- Avigliana
Avigliana si trova a 383 m. s.l. m. nella Val di Susa, il paese è attraversato dal fiume Dora Riparia la città di origine medioevale conserva ancora numerose testimonianze delle sue origini in particolare il borgo con piazza Conte Rosso,al centro della piazza è posto un pozzo risalente al 1300 e ancora edifici del XIII  secolo, la Chiesa di San Giovanni al suo interno si può ammirare opere di Defendente Ferrari, la Chiesa di San Pietro di architettura gotico romano,il Castello di Avigliana distrutto nel XVII le cui rovine dominano il paese.
Da non perdere di visitare i due laghi di Avigliana di origine morenica chiamati comunemente Lago Piccolo e  Lago Grande, la zona lacustre ospita numerose specie di uccelli. Il turismo in questa cittadina è di notevole espansione grazie al suo suggestivo borgo e la presenza dei laghi.

—- Bardonecchia
Bardonecchia località alpina situata nell’alta Valle di Susa, punto di partenza per le piste da sci d’inverno e del bike park d’estate un luogo ideale per famiglie, offre svariate opportunità di svago con due comprensori sciistici dotati di impianti di innevamento artificiali per un totale di 100 km di piste, numerose strutture alberghiere, ristoranti, rifugi e campeggi presenti sulla zona offrono al turista una vacanza in tutto relax. Non mancano siti di notevole interesse chiese, manufatti lignei e di pietra e affreschi.

—- Bussoleno
Bussoleno è situato in Val di Susa percorso dal fiume Dora Riparia, è l’unico comune della Bassa Valle che si estende sui due versanti montani,il versante  settentrionale appartiene alle Alpi Graie e il versante meridionale alle Alpi Cozie.L’ economia del paese si basa sulla presenza di cave di marmo verde, miniere di ferro e pascoli,. anche il turismo è in forte espansione per la presenza di siti storici di  notevole interesse, come il Castello degli Allais, la Cappella della Madonna delle Grazie, la Chiesa Parrocchiale arricchita da affreschi di pregevole valore artistico. 
Da non perdere è una visita al Parco Naturale Orsiera Rocciavrè.

Altre informazioni sulla Val di Susa

Monte Amiata

Il Monte Amiata è situato in Toscana e comprende le provincie di Grosseto e Siena, la sua altitudine è di 1738 metri e domina la Val di Paglia e Val d’Orcia, il territorio è ricco di faggeti, sorgenti limpidissime, rocce dalle svariate forme e miniere oggi trasformate a museo. Sulla vetta è collocata una Croce monumentale in ferro alta 22metri costruita dall’artigiano Zalaffi ed è visibile dalle pianure circostanti e dal Mar Tirreno, nella parte più alta del Monte Amiata è istallata la statua della Madonna degli Scouts e poco distante  la statua di S. Giovanni Gualberto.
Dalle cime del Monte Amiata si ammira un panorama mozzafiato specie nelle giornate limpide si gode la vista del lago di Bolsena e Trasimeno le isole dell’arcipelago toscano e le lussureggianti colline del Chianti e Metallifere. Monte Amiata è la più importante stazione sciistica della Toscana meridionale, un punto di arrivo agli impianti sciistici di Macinaie, Cantore- Marsiliana e Contessa, con due seggiovie e varie sciovie  con possibilità di innevamento artificiale, mentre in estate è un luogo ideale per escursioni.
I principali comuni del monte Amiata sono: Abbadia San Salvatore, Arcidosso, Castel del Piano, Piancastagnaio, Santa Fiora.

—- Abbadia San Salvatore
Abbadia San Salvatore è inserito nella parte orientale del Monte Amiata, su un pianoro. Suggestivo è l’antico borgo medioevale con le sue caratteristiche stradine si arriva all’abazia di San Salvatore che comprende la chiesa con la cripta, interessante da visitare il museo minerario. In inverno il clima è molto freddo per i venti provenienti dal Monte Amiata e caldo in estate, lo sviluppo turistico ha fatto registrare la realizzazione di alberghi, punti di ristoro intorno alle stazioni sciistiche e impianti di risalita.

—- ArcidossoArcidosso sorge ai piedi del Monte Amiata arroccato su un’altura, da cui si gode la vista di montagne, colline e mare, il territorio è per la gran parte coperto di foreste di faggio e castagni, molto utilizzate in cucina ogni castagna del Monte Amiata è tutelata dal marchio igp.
Da visitare il Santuario della Madonna Incoronata, al suo interno sono presenti pregevoli opere del quattrocento senese e sulla facciata destra della chiesa una fontana in trachite di origine medicea. Le piste da sci del comprensorio amiantino distano 10 km da Arcidosso.

—- Castel del PianoCasteldelpiano è posta nel versante occidentale del Monte Amiata, punto di riferimento per gli sport invernali con piste di circa 20 km per lo sci alpino, dotato di strutture ricettive per accogliere turisti sia d’estate che d’inverno. Il suo suggestivo borgo ben conservato offre un panorama sulla Val d’Orcia, nel centro del paese è situata la chiesa dell’Opera (o Propositura) dove sono presenti tele e affreschi di notevole interesse tra cui una “natività di Maria” di   Giuseppe Nicola Nasini.

Altre informazioni sul Monte Amiata

L’altopiano della Paganella

L’altopiano della Paganella è situato in una posizione strategica  a soli 15 km dall’autostrada del Brennero e domina la città di Trento da nord ovest, offre al turista scenari naturali ai piedi delle famosissime Dolomiti di brenta, con vista mozzafiato del parco Naturale Adamello  Brenta.
L’altopiano della Paganella vanta 50 km di piste con moderni impianti e all’occorrenza un moderno impianto di innevamento programmato per soddisfare le esigenze di tutti gli sciatori, luogo ideale per famiglie con bambini, la Walt Disney in collaborazione con il Trentino s.p.a. ha organizzato un programma di animazione con i personaggi della Disney per tutti i gusti, sugli sci, nei kinderheim per passare splendidi momenti con topolino e i suoi amici, per gli adulti oltre alle attrezzate piste da sci è presente un centro benessere con sauna finlandese.

I comuni dell’Altopiano della Paganella sono: Fai della Paganella, Andalo, Cavedago, Soprammaggiore, Molveno.

—- Fai della Paganella
Fai della Paganella è situato alle pendici della Paganella, un terrazzo naturale che si affaccia sulla valle dell’Adige di incomparabile bellezza, con un clima temperato ideale per chi ama passeggiare o in bici nel verde dei boschi e prati, attrezzato con strutture turistiche e sportive un luogo ideale per una vacanza spensierata e per gli amanti della buona cucina specialità gastronomiche tipiche del luogo tutte da gustare.

—- Andalo
Andalo un ambiente montanaro di rara bellezza, arricchito con alberghi e residence,con aree sportive, pala ghiacci, campi da tennis, maneggi, due piscine con giochi d’acqua, tutto pensato per dare al turista ogni confort.

—- CavedagoCavedago è situato vicino ad Andalo un piccolo centro ma molto suggestivo ed ospitale, in una posizione ideale per gite ed escursioni nel Parco Naturale Adamello Brenta lungo sentieri segnalati per tranquille passeggiate tra boschi.

Altre informazioni sull’ Altopiano della Paganella

Alta Badia

Nel cuore delle Dolomiti troviamo l’area vacanze Alta Badia, un valle dell’alto Adige in provincia di Bolzano, un paradiso per ogni turista in cerca di paesaggi di rara bellezza. Nei mesi estivi il paesaggio è ricco di boschi, rigogliosi prati per passeggiate a fondovalle oppure gite a cavallo. Nei mesi invernali è un punto di partenza per sciatori e amanti di snowboard e slittino. In Alta Badia, in poco tempo si  raggiungono le piste e gli impianti di risalita Sella Ronda, non mancano strutture alberghiere e ristoranti con tipiche specialità locali.

I comuni dell’Alta Badia sono: Badia, Corvara, Colfosco, La Villa, San Cassiano, La Valle.

—- BadiaBadia è situato a 1.315m sopra il livello del mare, fa parte dei Parchi Naturali Fanes, Senes, Braies e Puez Odle, un vero paradiso per gli escursionisti con sentieri segnati che conducono nel cuore delle Dolomiti, numerosi Hotel, agroturismo, camping sono presenti nella zona per accogliere il turista e offrire offerte vantaggiose.

—- CorvaraCorvara èil paese più noto di tutta la Val  Badia, anche per l’unico campo da golf presente nella zona, situato a 1560 metri di altitudine, ha una posizione soleggiata dominato dal massiccio del Sassongher è circondato da un magnifico paesaggio, i principali impianti di risalita presenti a Corvara sono il Col Alto e il Boè collegano il paese alla Sellaronda e tutto il comprensorio Dolomiti Superski. Ricco di strutture ricettive in stile ladino fanno di Corvara una meta ambita sia d’estate che d’inverno.

—- ColfoscoColfosco è il paese più alto della Val Badia 1.645 metri di altitudine nel cuore delle Dolomiti, offre panorami mozzafiato sul massiccio del Sella e Val Badia, bellissime piste da sci tutte attrezzate per ogni esigenza fanno da scenario a paesaggi incantevoli.

Altre informazioni sull’ Alta Badia

L’Altopiano di Brentonico

L’Altopiano di Brentonico si trova tra il lago di Garda e la valle dell’Adige alle pendici settentrionali del Monte Baldo, un territorio ricco di cultura, tradizione e musei, con splendidi panorami sulle Dolomiti di Brenta e Valle dell’Adige. Una meta ideale per tutta la famiglia per sciare in sicurezza, con 40 km di discese e modernissimi impianti di risalita per trascorrere piacevoli giornate sulla neve e una vasta scelta fra sport e attività all’aperto. Per chi ama le escursioni ed il trekking avrà modo di esplorare il Monte Baldo con escursioni di varie difficoltà e ammirare panorami che spaziano dalle Dolomiti di Brenta a ovest fino al Lago di Garda a sud, non mancano piste di pattinaggio sul ghiaccio, escursioni guidate con le ciaspole.
L’Altopiano di Brentonico conserva ancora le sue caratteristiche naturali preservando specie botaniche uniche guadagnandosi l’appellativo di “Hortus Italiae”( orto d’Italia) per la ricchezza di piante e fiori.

Alcune località dell’Altopiano di Brentonico sono: Brentonico, Rovereto, Ala, Besenello, Avio, Calliano, Isera.

—- BrentonicoBrentonico indica tutta l’area  dell’altopiano, nel territorio è stato istituito il Parco dei Fiori del monte Baldo , si possono ammirare più di 60 specie di orchidee e fiori rari. Da visitare il Museo del Fossile del Monte Baldo il Mulino Zani tuttora in funzione, la chiesa dei S.S. Pietro e Paolo risalente al VIII-X secolo al suo interno è custodito un organo seicentesco. Per gli amanti dello sci Brentonico offre modernissimi impianti di risalita a Polsa e San Valentino con 35 km di piste adatte a principianti e sciatori esperti, un attrezzato snowpark è a disposizione per gli appassionati dello snowboard, non mancano escursioni guidate con le ciaspole, divertirsi con lo slittino e pattinaggio tutto pensato per il turista che sceglie questa località come meta di una rilassante vacanza invernale

—- Rovereto
Rovereto è la principale città della Valle dell’Adige, un importante centro turistico per la sua posizione dove si può raggiungere facilmente le numerose stazioni sciistiche presenti in zona. Rovereto è sede di importanti  musei tra cui il Museo di Arte Moderna e Contemporanea un fra i più importanti d’Europa.
Per chi sceglie una vacanza estiva a Rovereto può scegliere tra i  numerosi percorsi escursionistici a piedi e in bici con itinerari enogastronomici tra meravigliosi  panorami.

—- Ala
Ala è un borgo di antiche origini, si trova nella parte meridionale della Valle dell’Adige tipicamente medievale con eleganti strade, palazzi, balconi in ferro battuto testimoniano un illustre passato, Ala è anche un punto di partenza per escursioni sui Monti Lessini.

Altre informazioni sull’ Altopiano di Brentonico

L’Altopiano del Renon

L’Altopiano del Renon è situato in Alto Adige un luogo ideale per famiglie, grazie al suo clima mite e per chi voglia scoprire la bellezza della natura alpina ammirando paesaggi mozzafiato e visitare le famosissime piramidi di terra (formazioni geologiche dell’Altopiano di Renon) che si trovano a Soprabolzano, a Monte di Mezzo e a Auna di Sotto. L’Altopiano di Renon è un luogo ideale per una rilassante vacanza estiva tra passeggiate a piedi o a cavallo tra fitti boschi e sentieri pianeggianti, oppure con il caratteristico trenino elettrico (risalente all’inizio del 900) che partendo da Soprabolzano arriva a Collalbo su sei chilometri e mezzo di strada ferrata circondata da boschi e prati dove con un po di fortuna si possono avvistare gruppi di caprioli.
Per gli sportivi non c’è che l’imbarazzo della scelta, tra lo spericolato parapendio, escursioni in  mountain-bike e per gli sport meno avventurosi si hanno  a disposizione piscine, campi da tennis e l’incantevole lago Costalovara dove è possibile bagnarsi in estate.
L’Altopiano del Renon è anche luogo ideale per la vacanza invernale, offre a principianti e bambini le piste di Soprabolzano, per gli amanti della velocità le piste di Corno del Renon e non mancano escursioni fuori pista. Altra attrattiva del Renon è l’anello di pattinaggio veloce sul ghiaccio artificiale sede a Collalbo con una pista lunga 400 metri.
Da non perdere di visitare edifici barocchi, vecchie chiese romano-gotiche, vecchi masi con il caratteristico tetto di paglia.

Alcune località della Val del Renon sono: Soprabolzano, Collalbo, Auna di Sopra, Auna di Sotto, Campodazzo.

—- Soprabolzano
Soprabolzano si trova su un altopiano sopra la città di Bolzano a 1.221 m.s.l.m.dotato di una moderna funivia che collega Bolzano a Soprabolzano in soli undici minuti con finestre panoramiche per ammirare a pieno la bellezza della zona. Una delle attrazioni di Soprabolzano sono le piramidi di terra relitti dell’ultima era glaciale risalenti a 15.000 anni raggiungono un’altezza di 18 metri, interessante da visitare è la chiesa di San. Giorgio e San. Giacomo risalente al XIII secolo all’interno bellissimi affreschi, non mancano Hotel, ristoranti con offerte convenienti per famiglie che desiderano  passare una tranquilla vacanza montana.

—- CollalboCollalbo è  la principale località del Renon, un vero paradiso nel cuore di una  natura ancora incontaminata, i dintorni di Collalbo si possono visitare a piedi o in mounta-bike e godere della bellezza dei luoghi. Per gli sciatori si può raggiungere l’area sciistica del Corno del Renon con piste attrezzatissime offre varie opportunità di svago, per gli amanti del pattinaggio è a disposizione la pista di velocità sul ghiaccio, dove si disputano importantissime gare come la Coppa del Mondo di pattinaggio sul ghiaccio.

—- Auna di Sopra
Auna di Sopra è situata a 1300 m.s.l.m.con un bellissimo panorama sulla conca di Bolzano e il Corno del Renon,  numerose opportunità di passare una spensierata vacanza tra attività sportive e escursioni sul Corno di Renon ammirando tramonti mozzafiato. Non mancano luoghi di interesse culturale come la Chiesa Parrocchiale di Auna costruita nel 1200 dedicata a San. Leonardo.

Altre informazioni sull’ Altopiano di Renon

Il Monte Terminillo

Il Monte Terminillo è una delle stazioni sciistiche più importante del’Italia centro meridionale, fa parte dei Monti Retini e dell’Appennino Abruzzese dista 20 km da Rieti e 100 km da Roma ed è il punto d’incontro per gli sciatori che provengono dal Lazio e dall’Italia centrale. Viene chiamata la montagna dei romani e nelle giornate limpide è visibile dalla città.
Il Terminillo è una Montagna calcarea alta 2217 metri s.l.m. con diverse cime e profonde vallate che ne determinano i confini e lo separano da altri piccole cime montuose. La zona è caratterizzata da un variegata fauna e flora si possono ammirare distese di faggi, boschi di cerro, acero e castagno, zona ideale per escursioni trekking e gare di corsa in montagna (SKY RACE) lungo i sentieri del CAI.
Attrezzato per una vacanza estiva e invernale, il Terminillo dispone di otto impianti di risalita 40 km di piste per lo sci alpino e 20 per lo sci nordico, una funivia, tre seggiovie e quattro sciovie consentono allo sciatore un sicuro divertimento sia a principianti che allo sciatore espero. La zona di Pian de’ Valli è il luogo dove si concentrano gran parte di strutture turistiche ristoranti, alberghi, residenze e parchi giochi per bambini, con piste da sci di varie lunghezze e difficoltà si diramano tra suggestive piccole valli e distese di faggeti.

Tra le località del Terminillo spiccano Leonessa, Fontenova, Campoforogna, Pian de’ Valli.

—- LeonessaLocalità sciistica a 974 metri di altitudine a nord-est di Rieti, con un borgo medioevale fatto di stretti vicoli in un atmosfera di altri tempi, suggestiva la chiesa di S. Maria del Popolo con una pregevole facciata in pietra rosata e il portale con bassorilievo nella lunetta. In estate tutta la zona offre opportunità di fare bellissime escursioni con 42 sentieri partendo dalle pendici del Terminillo.

—- Fontenova
Fontenova è una frazione di Leonessa posto sulla strada che porta al Terminillo, tra boschi di faggi e aceri, in inverno è possibile  praticare escursioni con le ciaspole. In zona è presente il parco acrobatico forestale “Fagus-Park”equipaggiato con 35 attrezzi: scala dei pirati, salto dalla piattaforma con liana, ponte delle scimmie e molto altro con varie difficoltà per grandi e piccoli due ore di puro divertimento in piena sicurezza.

Altre informazioni sul Terminillo

Campo Imperatore

Campo Imperatore situato a 1800 metri s.l.m. nella provincia dell’Aquila, nel cuore del Gran Sasso d’Italia e all’interno del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, sede di importanti strutture sportive e culturali.
Sul versante nord-occidentale di Campo Imperatore ha sede il giardino botanico alpino per la coltivazione della flora, riconosciuto di interesse regionale dell’Abruzzo, tutela la biodiversità vegetale il giardino è aperto da giugno a settembre ed è visitato da numerosi turisti. Campo Imperatore dispone di una stazione sciistica con quattro impianti di risalita 15 km di piste  dedicato allo sci alpino e 60 km per lo sci nordico, uno snow park per lo snowboard, un anello per lo sci di fondo, piste halfpipe e boardercross, ben collegate a valle dalla funivia del Gran Sasso, nella zona sono presenti strutture ricettive e ampi parcheggi.
Per gli amanti dell’escursionismo ci sono numerosi itinerari da percorrere a cavallo, in bici, oppure semplicemente a piedi il più rinomato è l’Ippovia  del Gran Sasso.

Tra i principali borghi presenti nell’altopiano troviamo: Calascio, Assergi, Santo Stefano di Sessanio e Castel del Monte.

—-Calascio
Di origine normanna Calascio fa parte della comunità montana di Campo Imperatore.
Da non perdere di visitare la Chiesa di San. Francesco nota anche come Convento di Santa Maria delle Grazie al suo interno è custodito un candelabro e un ciborio risalenti al XVII secolo, due tele di Giulio Bradeschini XVI secolo, un’altra importante meta turistica a Calascio è la Rocca Calascio un piccola rocca che sovrasta l’abitato e predomina L’intera vallata formata da un Castello in pietra bianca a conci squadrati, fu restaurata intorno al XX secolo.

—- Assergi
Assergi sorge ad un altitudine di circa 1.000 metri sotto il massiccio del Gran Sasso, nel suo territorio si trova la stazione della funivia del Gran Sasso che conduce a Campo Imperatore,è anche sede dell’istituto nazionale di fisica nucleare. Assergi è un importante stazione turistica per chi ama escursioni naturalistiche e sportive, con numerosi itinerari percorribili a piedi in bici o a cavallo.
Assergi è circondata da mura risalenti al XI secolo ben conservate, nel centro storico sono presenti importanti edifici religiosi come la chiesa di Santa Maria Assunta costruita nel XII secolo, il Convento di San Francesco oggi sede del Parco Nazionale del Gran Sasso e monti della Laga.

—-Sessanio
Santo Stefano di Sessanio fa parte della comunità montana di Campo Imperatore ed è un borgo tra i più belli d’Italia, una miniatura medievale tutta di pietra calcarea bianca, il borgo più suggestivo del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti Laga.
Le strade percorribili tassativamente a piedi vantano portali disposti ad arco con formelle fiorite, finestre in pietra finemente lavorate e decorate, abitazioni quattrocentesche e la suggestiva chiesa di Santo Stefano Protomartire edificata tra il XIV e XV secolo, la chiesa della Madonna del Lago del XVII secolo sorge fuori dalle mura sulle rive di un laghetto.
Per il turista che visita il borgo non deve mancare di assaggiare il piatto del borgo, una gustosa zuppa di lenticchie (produzione locale) contornata da quadratini di pane fritto

Courmayeur

Courmayeur si trova in Val d’Aosta e fa parte della comunità montana Valdigue Mont Blanc.
Nel suo territorio si trova il Monte Bianco, la montagna più alta d’Italia e d’Europa.
Collocata ai piedi del Monte Bianco, Courmayeur, è l’ultimo comune italiano prima di entrare in Francia tramite il traforo del Monte Bianco.
Courmayeur è una rinomata stazione sciistica valdostana con locali notturni, bar trendy, numerose strutture turistiche e il caratteristico paese rigorosamente pedonale si può passeggiare in tutta tranquillità  e ammirare i numerosi  negozi soprattutto di sera  dopo la chiusura delle piste da sci si dedica allo shopping e comprare i prodotti tipici locali come i gustosi salumi.
Le piste di Courmayeur sono separate dal paese e per raggiungerle si prende la cabinovia del paese che arriva fino alle piste Plan-Checrouit, l’innevamento artificiale è molto diffuso a Courmayeur per garantire sciabilità anche nelle stagioni invernali con scarsa neve.
Courmayeur è anche una buona base per esplorare la grandezza del massiccio del Monte Bianco, con una guida alpina che porterà ad escursioni fuori pista e ammirare la bellezza del luogo, c’è anche la possibilità di visitare il Monte Bianco in elicottero e praticare Freeride con numerosi percorsi e guide preparatissime, alcuni borghi vicino Courmayeur sono: Entrèves, Verrand,Ermitage, Pallusieux.

—- Entrèves
Entrèves situata alle pendici del Monte Bianco tra due valli che si diramano da Courmayeur la Val Veny e Val Ferret, luoghi spettacolari per la varietà degli ambienti naturali, il centro del paese fatto di vecchie case in pietra ben tenute ed una antica casa- forte del 1391, un luogo ideale per una vacanza tutto relax, qui si può soggiornare in piccoli alberghi attrezzati con ogni confort e gustare piatti tipici del luogo.

—-Verrand
Verrand un piccolo borgo fatto di vicoli lastricati in pietra, contornati da vecchie case ristrutturate, con ancora un piccolo emporio alimentare dove si trova di tutto. Per la sua posizione panoramica sul massiccio del Monte Bianco Verrand è tra le località più prestigiose della zona ideale per una vacanza in tutta tranquillità.

—-Ermitage
Ermitage splendida frazione che già dal suo nome richiama tranquillità e eremitaggio, un paesaggio fatto di boschi e baite e ammirare una spettacolare vista sul Monte Bianco e il comprensorio sciistico della Crecrovit, un luogo per chi ama la tranquillità e la buona cucina, i rifuggi offrono una cucina semplice con piatti tipici montani come la selvaggina, la polenta, formaggi e mele, castagne, lamponi.

La Val Gardena

La Val Gardena, frequentata in ogni periodo dell’nno da dicembre ad aprile divent i paradiso per gli anti dello sci. Vi si trovano molte piste importanti come la Saslong pista nera che va giù dai pendii del Ciampionoi fino verso Selva.

La Val Gardena, frequentata in ogni periodo dell’nno da dicembre ad aprile divent i paradiso per gli anti dello sci. Vi si trovano mmote piste importanti come la Saslong pista nera che va giù dai pendii del Ciampionoi fino verso Selva. 
Il comprensorio del domaine skiable gardenese comprende 175 km di piste dalle  quali si raggiunge anche quelle del comprensorio dell’Alpe di Siusi.
Tra le piste più belle ci sono Santa Crisina, Cuca, Piz Sella.
Per pasare da un lao all’atro della valle senza usare bus o auto è possibile usare una funicolare soterranea: il Val Gardena Ronda Express. Le piste sciistiche della Val Gardena fanno parte del comprensorio del Sella Ronda, si tratta di un’anello che segue il periplo del massiccio del Sella con ben 50 km di piste. Inoltre le piste della valle fanno parte del grande comprensorio sciistico del Dolomiti superski con 1220 km di piste.